I padri lavoratori dipendenti possono godere di un congedo obbligatorio di un giorno e di un congedo facoltativo di due giorni al posto di quello previsto per la maternità alle madri.

Tale diritto è stato introdotto dalla riforma del mercato del lavoro (Legge 28 giugno 2012, n. 92, recante “Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita”, pubblicata nella G. U. n. 153 del 3/7/2012 supplemento ordinario n. 136).

La norma promuove la “cultura di maggiore condivisione dei compiti di cura dei figli all’interno della coppia”…”per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro” e si applica agli eventi parto, adozioni e affidamenti avvenuti a partire dal 1° gennaio 2013.